Category Archives: Donna

La sveglia

Questo è il mio buongiorno ..

La Svegliaimage

Drin drin la sveglia suona
Ma che evoluzione
Dal canto del gallo
A melodia di una canzone
Coraggio tutti in piedi
Fuori dal piumone!
Si scende giù in cucina
Si fa’ colazione!
Di sveglie ne ho sentite
Suonare in ogni modo
Gli anni son trascorsi
Adesso ho un altro ruolo
Quello della mamma
Che sveglia il suo ragazzo
Lo gurda andare a scuola
Con assonnato passo
Da dietro ad una tenda
Lo guardo camminare
Sorrido e penso a quando
Sara’ lui a svegliare
Chissa’ con quale sveglia…
Chissa’ che suono avra’…
Il suono dell’amore
Quello non cambiera’….

Carmela Leonardi

Quando i soldi non comprano il sorriso di un bambino

Quando i soldi non comprano il sorriso di un bambino, per tutto il resto c’è ……..la fantasia:

Una palla di un deodorante, una cassetta di plastica della frutta, due manici di scopa, 8 chiodi di un centimetro e mezzo. Questo video è stato fatto nella zona di Varzea in Brasile, nella città della spiaggia, questo biliardino è stato creato per il bambino con la maglietta blu.

MARZO E’ DONNA

UNITRE DELL’ALTO ORVIETANO

MARZO E’ DONNA

PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE

mimosa 

7 marzo 2015

·       ore 9,30 FABRO SCALO – Sala Teatro – Piazza IV Novembre, 1

Incontro/riflessione sul tema “Storie di piccole donne ” a cura dell’Istituto Omnicomprensivo Raffaele Laporta – Visione del film “La bicicletta verde”

·       ore 16,00 FABRO SCALO – Sala Teatro – Piazza IV Novembre, 1

 seminario “La donna immaginata” stereotipi e pubblicità in collaborazione con Unicoop Tirreno,

·       ore 18,00 FABRO SCALO – Largo dell’Unità d’Italia 

Flash Mob “One billion rising” ed installazione artistica contro la violenza sulle donne, in collaborazione con Associazione commercianti “Sole e Luna”,  Associazione Centrodentro, Unitre dell’Alto Orvietano, Futura Fitness Club, Pro Loco Fabro.  Al termine un aperitivo offerto da Unicoop Tirreno

8 marzo 2015

·       Ore 17,00  MONTELEONE D’ORVIETO – Teatro dei Rustici

“Festa della donna: match teatrale d’improvvisazione” a cura del Laboratorio d’Improvvisazione teatrale dell’Unitre dell’Alto Orvietano

·         Ore 18,30 MONTEGABBIONE – Biblioteca Comunale

Aperitivo letterario “Donne che si raccontano” Letture, pensieri, appunti di viaggio.

·       Ore 21,00 FABRO SCALO – Ristorante “Il Focolare”- Cena e serata musicale con il gruppo “Life on Venus”

13 marzo 2015

·       Ore 17,00 FICULLE  – Sala Teatro –Via Castel Maggiore

Riflessione sul film “Bellissime” . Dal 1960 ad oggi dalla parte di “lei” di Giovanna Gagliardo, in collaborazione con il Circolo Culturale “Il Teatro” di Ficulle

14 marzo 2015

·       Ore 21,00 FABRO SCALO – Sala Teatro – Piazza IV Novembre n. 1

“Monologhi al femminile” a cura del Laboratorio Teatro dell’Unitre dell’Alto Orvietano

21 marzo 2015

·       Ore 10,30 FABRO SCALO – Sala Teatro – Piazza IV Novembre 1

Incontro con il Centro Interculturale “Celio Azzurro” di Roma sul tema “Quale  intercultura?” – in collaborazione con Soc. Coop “Il Quadrifoglio” e Istituto Omnicomprensivo “Raffaele Laporta”

·       Ore 16,00 FABRO SCALO – Sala polivalente – Via del Campo Sportivo n. 2

“Festa dell’Intercultura: donne e bambini dal mondo” da un progetto della Zona Sociale n. 12finanziato dalla Regione Umbria ai sensi della L.R. 18/90in collaborazione con Istituto Omnicomprensivo Raffaele Laporta,  Soc. Coop “Il Quadrifoglio”, Sportelli dell’Immigrazione, Centri di Aggregazione Giovanile, Associazione Centrodentro, Associazione Unitre dell’Alto Orvietano

22 marzo 2015

·       Ore 16,00 FABRO SCALO – Sala Teatro – Piazza IV Novembre n. 1

“Cinema femminile plurale” – Il cinema e le donne – in collaborazione con il corso di Storia del Cinema  dell’Unitre dell’Alto Orvietano, riflessione sul film “Io la conoscevo bene” di Antonio Petrangeli 

Open day alle Tane del Diavolo con il nuovo Istituto professionale agrario di Fabro

photo_2 (4)

Crescono le iscrizioni per il nuovo Istituto agrario di Fabro, dopo che si è svolta una giornata di orientamento alle Tane del Diavolo, dove ragazzi accorsi dal Trasimeno e Orvietano hanno partecipato per conoscere il percorso delle Tane del Diavolo, nell’ottica di imparare a progettare percorsi di valorizzazione del territorio.

 

Sono state effettuate misurazioni di temperatura delle acque termali e del fiume, analisi dell’acidità dell’acqua e del suolo. Sono stati osservati insetti e piante considerati indicatori biologici e compresa l’attrattiva turistica della zona.

 

E’ stata effettuata una visita al laghetto Le Sorre, dove si è conosciuto l’impianto e la coltura di trote e carpe, un altro settore in crescita e che necessita di professionalità e innovazione.

 

Tutto questo per far conoscere ai ragazzi le innumerevoli potenzialità del territorio, e la necessità di avere una scuola che sappia coniugare innovazione, studio, manualità.

Infine si è svolta un’intervista alla dirigente sulle potenzialità della scuola, da parte di quaranta alunni della prima media di Fabro, che, molto interessati, elaboreranno un articolo che spediranno loro stessi ai giornali.

 

La prossima uscita sarà all’insegna delle cantine e delle aziende zootecniche, settori che caratterizzano l’Umbria che, ricordiamolo, ha avuto il premio d’oro alla BIT come Regione più accogliente d’Italia.

 

Le iscrizioni all’Istituto Professionale per l’agricoltura e l’ambiente restano aperte fino al 28 febbraio; si può visitare la scuola e ottenere informazioni.

Ricordiamo che è possibile attivare i percorsi di istruzione e formazione professionale (IeFP), fermandosi al terzo anno ottenendo la qualifica di Operatore agricolo con specializzazione in zootecnia, produzioni vegetali, vivaistica. Questo è un passaggio intermedio al fine del raggiungimento dell’obbligo scolastico e per offrire un’opportunità anche imprenditoriale ai ragazzi.

Per chi vorrà potrà scegliere e continuare fino al quinto anno conseguendo la qualifica di agritecnico. Sono stati attivate collaborazioni con l’Istituto agrario di Todi e con l’Università di Agraria di Perugia per ampliare l’offerta formativa e per l’aggiornamento dei curriculi scolastici.

 

Una grande scuola! Auspichiamo interesse da parte della popolazione, e impegno delle istituzioni che se ci sosterranno avranno sul territorio una risorsa e un’occasione di crescita per i prossimi anni.

 

 

 

 

A proposto di cistite

ragazze,

non disperate e non cadete nel tranello di imbottirvi di antibiotici.per sconfiggerla bisogna giocare d anticipo,conoscerla e stroncarla sul nascere!

io è da 4 anni che quando mi alzo la mattina ho paura di fare pipi’ e di cascarci dentro di nuovo e quando vado a letto la sera prego di non svegliarmi in preda al fuoco come tante volte è successo.

ho sempre avuto cistiti da escherichia coli ed ero arrivata che l avevo di continuo.prendevo antibiotici tutti i mesi e ormai non facevanon piu nulla.dall antibiogramma ero resistente a tutto.

urgeva cambiare strada!non facevo altro che piangere e non volevo nemmeno piu andare in vacanza perche’ ero terrorizzatadi non potermi curare bene.

i consigli che vi posso dare sono probabilmente banali secondo voi,ma io cosi’ ne sono praticamente uscita.certo,resta il mio punto debole,ma ho ricominciato a vivere.

l ho studiata la bestia per mesi e mesi e lo sconfitta o almeno allontanata senza spappolarmi il fegato di farmaci:

*inutile dire di bere, ma bere bere! almeno 3 litri.soprattutto è importante un mezzo litro di tisana o di uva ursina o di malva o anche di orzo al mattino al risveglio a stomaco vuoto.sveglia subito l intstino e le vie urinarie. l’importante e lavare spesso la vescica.una settimana al mese aiuta prendere il succo di un limone spremuto in mezzo bicchiere d acqua al mattino a digiuno.al contrario di quello che si puo pensare aiuta a regolarizzare l intestino e non stringe, anzi,e poi rinforza le difese immunitarie e acidifica naturalmente le urine.

bere anche parecchia malva,sfiamma.

prendere sempre fermenti lattici.ormai ce ne sono di ottimi in commercio specifici anche per la cistite.alternarli finito un ciclo iniziare con un tipo diverso per rafforzare tutte le difese.buonissima è la cura di ENTERELLE E FEMELLE.2 cps di femelle al mattino dopo la colazione e 2 di enterelle alla sera dopo cena.almeno una volta al mese bisognerebbe farlo perche’ enterelle è una specie di vaccino per l escherichia.anche il genefilusf19 è ottimo e l enterolactis plus.se invece soffrite di candida il candinorm e’ molto buono anche se costoso.

 

non trattenere mai la pipi.

bere prima di avere rapporti,svuotare tassativamente la vescica prima e dopo.prima perche se la vescica è piena diventa piu grande e viene “urtata” e di conseguenza irritata durante il rapporto in particolar modo se è focoso!!

urinare dopo perche’ si espellono immediatamente i batteri con cui siamo inevitabilmente venute a contatto durante il rapporto.

se nemmeno questo è sufficiente, e dopo una bella mezz’oretta d amore con il vostro lui pagate pegno con un bel bruciore..prendete a somaco vuoto dopo il rapporto una busta di cistonorm.( semi di pompelmo+uva ursina+cranberry) nel forum ne è gia stato parlato parecchio, è ottimo.il pompelmo è antibiotico naturale.cercate invece di tenerla almeno un oretta la pipi in modo che resti un po in vescica e che possa fare il suo lavoro.

ai primi sintomi prendete anche un po di tintura madre di uva ursina 70 goccie (40x .3 volte al di) prima dei pasti.poterbbe far bruciare un po lo stomaco.vedete un po come la tollerate.

biancheria solo di cotone e appena siete in casa o appena potete usate biancheria larga comoda ed evitate pantaloni stretti.fanno un gran male anche se sono bellissimi.

non ci crederete ma aiuta tanto fare dei bagni tiepidi ( 10/15 min) in acqua e bicarbonato e acqua e sale.alla sera prima di andare a letto.

ultimo..tutte le sere a vescica vuota un integratore tipo cistiflux( per me è tra i migliori) o cis400,o il famoso cistonorm.tenere la vescica disinfettata durante la notte aiuta tantissimo a prevenire le recidive.

sembra una cosa pallosa da fare ma entro poco diventa un abitudine nomale.sono regole preventive che rispettate scupolosamente pero’ aiutano veramente tanto.

piu si prendono antibiotici piu ci si ammala di cistite.vanno presi con cautela e soprattutto solo dopo avere effettuato un urinocultura, a costo di soffrire un po di piu e aspettare a prendere l antibiotico dopo consegnata l urine ( altrim l esito verrebbe falsat).spesso ce la spianiamo noi la strada prendendo antibiotici che magari non sono mirati per quello che abbiamo e dopo è il cagnolino che si morde la coda.

un abbraccio forte forte a tutte.

(http://forum.alfemminile.com/forum/f338/__f209_f338-Spero-di-poter-essere-d-aiuto-a-chi-ha-la-vita-rovinata-dall-escherichia-coli-se-ne-esce.html )

(fonte:alfemminile.com)

I Conti

bambinoUna sera, mentre la mamma preparava la cena, il figlio undicenne si presentò in cucina con un foglietto in mano. Con aria stranamente ufficiale il bambino pose il pezzo di carta alla mamma, che si asciugò le mani con il grembiule e lesse quanto vi era scritto: “Per aver strappato le erbacce dal vialetto:1 Euro

Vai alla barra degli strumenti