Category Archives: LIfe

Traile del Diavolo

Tane de l Diavolo

Prima edizione competitiva di trail running nel suggestivo quanto incontaminato territorio del comune di Parrano (TR).
Percorso di 23 km / +900 mt.
Apertura iscrizioni Febbraio 2019.

Informazioni e prenotazioni pernottamento
Città della Pieve Promotion +39 0578 1901868
+39 377 2535485
info@cittadellapievepromotion.it

Corso Pasticceria

Unitre Alto Orvietano Mercoledì 6 Febbraio alle ore 15.30 presso la Casa di Quartiere di Fabro Scalo Inizio del Corso di Pasticceria: le specialità regionali

Quattro giornate per apprendere i segreti dei dolci italiani più famosi;

Pan pepato Ternano( Umbria)

Zuccotto ( toscano)

Baba( Napoletano)

Cassata (Siciliana)

Docente: Alessio Margottini

Pasticcere della pasticceria “Margottini” di Fabro Scalo. Docente di pasticceria presso scuole di formazione

Lezioni: 4

Cadenza: settimanale

Corso a numero chiuso:massimo 15 partecipanti

Quota: € 10,00

Sede: Fabro Scalo – Casa di quartiere “La meglio gioventù”

Giorno: mercoledì

Orario:15:30 – 17:00

Inizio: 06/02/2019

Conoscere il Vino

Unitre Altorvietano con il contributo di Unicoop Tirreno propone, Sabato 20 Febbraio alle Ore 16 presso la Sala Teatro di Fabro Scalo, Il Corso “Conoscere Il Vino”

Il corso, continuando il discorso intrapreso nei due anni precedenti, prevede incontri di abbinamento cibo-vino con la collaborazione di alcuni ristoranti del territorio, dove avverranno quattro dei cinque incontri in programma, i quali prepareranno per noi alternativamente antipasti, primi, secondi o dolci da abbinare ai vini scelti dai docenti. A questo corso collabora Unicoop Tirreno che, su iniziativa della sezione soci, offrirà parte dei vini e ospiterà la prima degustazione.

1^ lezione – 20 febbraio – Sala teatro di Fabro Scalo con degustazione offerta da Unicoop Tirreno presso il negozio di Fabro Scalo

2^ lezione – 27 febbraio – Abbinamento del vino con gli antipasti

3^ lezione – 5 marzo – Abbinamento del vino con i primi piatti

4^ lezione – 19 marzo – Abbinamento del vino con i secondi piatti

Docenti della F.I.S.A.R.
La F.I.S.A.R. – Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori FISAR nasce a Volterra per opera di un gruppo di amici, appassionati, ristoratori ed albergatori che in questa città si sono più volte ritrovati in riunioni nelle quali si è andato via via formando quello spirito associativo riportato poi nell’atto costitutivo legale redatto dall’ Avv. Guglielmo Gambini Notaio in Pisa il 27 marzo 1972.

L’Associazione ha ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica con D.P. di Pisa n. 1070/01 Sett. I del 9 maggio 2001.

Non ha fini di lucro ed il suo scopo principale è quello di diffondere e valorizzare la cultura enologica attraverso la promozione di attività di qualificazione professionale della figura del Sommelier nell’àmbito della gastronomia tradizionale e del turismo enogastronomico in ambito nazionale ed internazionale.

Per il raggiungimento dello scopo associativo essa svolge tutte le attività culturali, didattiche ed editoriali atte a divulgare la conoscenza del vino sia in Italia che all’estero mediante:

a. la promozione e l’organizzazione di corsi per la formazione professionale dei Sommelier e del personale docente;

b. la promozione di circoli ricreativi e culturali in materia enologica e gastronomica;

c. la collaborazione con i produttori, gli operatori e la stampa specializzata del settore;

d. la promozione di indagini, ricerche e studi in materia enogastronomica;

e. l’organizzazione e la partecipazione a convegni, manifestazioni ed iniziative, sia nazionali che internazionali, che abbiano come oggetto la diffusione e la valorizzazione dei prodotti enogastronomici;

f. la promozione di tutte le iniziative ritenute utili al raggiungimento dello scopo associativo, sia in forma diretta che in collaborazione con altri soggetti pubblici e/o privati.

Lezioni: 5

Cadenza: settimanale

Quota: € 15,00

Sede: Prima lezione in aula sala teatro di Fabro Scalo – Piazza IV Novembre n. 1 e degustazione presso il negozio Unicoop di Fabro Scalo- Lezioni successive ristoranti del territorio

Giorno: Sabato

Orario: 16,00 – 17,30

Inizio: 20 febbraio 2016

Calendario: 20 e 27 febbraio – 5 e 19 marzo – 2 aprile

differenze tra FARINE BIANCHE e FARINE INTEGRALI

Alcune fra le tante differenze tra FARINE BIANCHE e FARINE INTEGRALI Stitichezza, gonfiore addominale, cistite,candida…sono alcune delle patologie molto frequenti nel mondo femminile ( soprattutto, ma non solo ), dovute ad un consumo quotidiano ed eccessivo di biscotti, dolci, pane, pizza e fette biscottate / gallette. Una analisi obiettiva del proprio stile alimentare e una correzione adeguata può portare senza dubbio alla eliminazione di tutti questi fastidiosi disturbi di salute. NOTA BENE:
i cereali integrali sono favorevoli alla salute, a patto che siano utilizzati nelle giuste quantità e inseriti all’interno di una alimentazione sana ed equilibrata nel complesso. Se assunti in quantità eccessive, o all’interno di una alimentazione ricca di carboidrati e povera di proteine e grassi, possono danneggiare la salute quanto quelli raffinati che provengono dalle farine bianche

fdifferenzatrafarine

Pubblicato da Gianpaolo Usai su Venerdì 5 febbraio 2016

La sveglia

Questo è il mio buongiorno ..

La Svegliaimage

Drin drin la sveglia suona
Ma che evoluzione
Dal canto del gallo
A melodia di una canzone
Coraggio tutti in piedi
Fuori dal piumone!
Si scende giù in cucina
Si fa’ colazione!
Di sveglie ne ho sentite
Suonare in ogni modo
Gli anni son trascorsi
Adesso ho un altro ruolo
Quello della mamma
Che sveglia il suo ragazzo
Lo gurda andare a scuola
Con assonnato passo
Da dietro ad una tenda
Lo guardo camminare
Sorrido e penso a quando
Sara’ lui a svegliare
Chissa’ con quale sveglia…
Chissa’ che suono avra’…
Il suono dell’amore
Quello non cambiera’….

Carmela Leonardi

Istituto Professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente “B.Marchino” di Fabro

openday
UN TERRITORIO CHE CRESCE:

open day 6 febbraio,

vieni a conoscere le potenzialità per tutti di avere una scuola di territorio!

CORSO DI TAI CHI

UNITRE DELL’ALTO ORVIETANO
LUNEDI’ 15 FEBBRAIO INIZIERA’ IL CORSO DI TAI CHI
(TAJIQUAN E QIGONG)
SALA POLIVALENTE DI FABRO SCALO ORE 16,00
DOCENTE MARIO AMORI

 

51 comportamenti che i ragazzi dovrebbero avere con le ragazze

51  comportamenti che i ragazzi dovrebbero avere con le ragazzeragazzi

1. Quando vedete una bella ragazza in minigonna, non urlate “che figa!” per poi ridere compiaciuti. Piuttosto venite a chiederci come ci chiamiamo, anche un bel culo ha un nome sapete.

2. Se proprio dovete parlare davanti alla tv, fatelo durante le pubblicità.

3. Se non vi comportate come gli attori di una soap, non sperate di vederci vestite come attrici di una soap.

4. Segnatevi gli anniversari sul calendario. Davvero. La vostra memoria non è fantastica come credete.

5. Dopo il sesso coccolateci, abbacciateci, baciateci. Evitate di addormentarvi.

6. Il fatto che abbiate fatto centro una volta non vi giustifica per aver fatto cilecca altre cento volte.

7. Noi la vediamo in questo modo, “non ci chiamate”= “non ve ne frega”.

8. Il che vuol dire che se non vi chiamiamo…sì esatto.

9. Ci piace se siete un po’ gelosi. Un po’ vuol dire che se fate una scenata quando parliamo con il nostro migliore amico potete andare a cagare.

10. Infilare cose nel nostro culo (matite, penne, le cose idiote che adorate fare) NON CI FA ECCITARE.

11. I favori si ricambiano. Io ti massaggio, tu mi massaggi, io mi depilo lì, tu ti depili lì.

12. Giocare pulito non è un opzione, è un prerequisito.

13. Noi possiamo arrivare in ritardo. Voi no.

14. Il contatto visivo è la chiave.

15. Non metteteci più tempo a prepararvi di quanto ce ne mettiamo noi.

16. Ridete alle nostre battute, anche se non fanno ridere.

17. Tre parole. Onestà, onestà, onestà

18. Le ragazze possono uscire a gruppetti, tenersi per mano, abbracciarsi ecc. i ragazzi no.

19. Noi non possiamo mai domandarci se il vostro orgasmo era finto.

20. Non iniziate una discussione persa in partenza. Se volete vedere Resident Evil, sappiate che la risposta è NO. Verrete con noi a vedere un film d’amore.

21. Trattateci come vorreste che un ragazzo trattasse vostra sorella. O vostra madre.

22. Se chiedete educatamente, risponderemo educatamente.

23. Non abbiamo mai troppe scarpe, mai troppi vestiti. MAI.

24. Possiamo fare le troiette almeno una volta al mese. Quando siete single le adorate, adesso non fate gli ipocriti.

25. Apiteci la porta, sempre…sia che sia per entrare in casa, sia che sia per entrare in macchina. È molto elegante, e lo apprezziamo.

26. Adoriamo le sorprese!

27. Ci piace essere baciate dolcemente, non con una lingua di ferro.

28. Fate attenzione alle piccole cose che facciamo per voi.

29. I boxer non sono il massimo ma li tolleriamo…i mutandoni della nonna NO!

30. Mettete in ordine la vostra stanza prima di farci entrare.

31. Lavatevi i denti prima di vederci…un alito fresco e una bocca pulita fanno sempre piacere, noi lo facciamo sempre.

32. Se durante il rapporto orale usiamo troppo i denti, significa che VOI fate schifo quando si tratta di andare giù da basso da noi. Vi stiamo solo ricambiando il favore.

33. Anche se a volte siete rudi e menefreghisti, vi amiamo lo stesso. Sappiamo cosa vuol dire passare un brutto periodo.

34. A volte pensate che all’improvviso vi odiamo, ma non è così. Stiamo solo aspettando le vostre scuse, una volta ricevute vi ameremo più di prima.

35. Non fare il figo con gli amici solo perché ci siamo noi. Sii te stesso, non renderti ridicolo.

36. A volte “NO!” vuol dire davvero “NO!”

37. “puttaniere” non è un complimento se te lo dice una donna.

38. Se volessimo girare un video porno o farci scattare foto hard avremmo fatto le pornostar, non le fidanzate.

39. I ragazzi sensibili sono fantastici…ma piangere più di noi durante un film è semplicemente sbagliato.

40. Le relazioni sono già abbastanza complicate, non mettete in mezzo le vostre ex!!!!!!!!

41. Dovete essere davvero stupidi per dimenticarvi del nostro compleanno. Eppure vi dimenticate spesso.

42. Un ragazzo che sa usare la lingua è una ragazzo che sa soddisfare una donna.

43. Anche le ragazze grasse hanno sentimenti. Ricordate che la vostra pancetta da bevitori di birra non ci dà poi così fastidio.

44. Silenzio + rifiuto di abbracci + lacrime + urla + occhiate di odio = AVETE FATTO QUALCOSA DI SBAGLIATO.

45. Chi non sa ballare deve esserne consapevole. Non è bello fare figure di merda in pubblico.

46. Anche se una ragazza non risponde al primo squillo, ciò non significa che non stesse aspettando da ore davanti al telefono.

47. Non dovete spendere una fortuna se ci tenete davvero.

48. Non dite “Ti amo.” Se non lo pensate.

49. Niente bugie, I nodi vengono sempre al pettine prima o poi.

50. Quando le ragazze si trovano assieme parlano di tutto. Di TUTTO vuol dire che la mia migliore amica sa tutto di te, anche come sei a letto.

51. Non fare promesse che non puoi mantenere.

44. Troppe cose vanno bene, vi assecondiamo, siamo dolci, vi facciamo sorprese…abbiamo cose non dette da farci perdonare.

(Foto e testo tratti dal web)

Un momento di libertà

Per pranzo avevo mangiato tre piatti di fagioli,image anche se non avrei dovuto. Quella sera quando tornai a casa mio marito mi accolse tutto allegro: “cara, stasera per cena c’è qualcosa di speciale!” mi bendò e mi portò in sala da pranzo. Mi sedetti, e proprio mentre stava per togliermi la benda, suonò il telefono.
Allora mio marito mi fece promettere che non mi sarei tolta la benda finché non fosse tornato e andò a rispondere.
Mentre aspettavo sentivo I fagioli che continuavano ad agitarsi, e ben presto la pressione diventò insopportabile.
Mio marito stava ancora parlando al telefono per cui approfittai dell’occasione e ne mollai una colossale.
Non solo rimbombò, ma puzzava come un camion di letame che passava davanti ad una pattumiera piena.
Presi il tovagliolo e sventolai ben bene, poi mi piegai dall’altra parte e ne mollai altre tre. La puzza era peggio del cavolo cotto.
Sentivo mio marito nella stanza accanto che stava ancora parlando al telefono per cui continuai a sganciare bombe atomiche per qualche minuto. Il piacere era incredibile! Sentii una espressione dei beatitudine dipingersi sul mio volto.
Alla fine udii che mio marito stava salutando e dissi addio al mio momento di libertà. Rapidamente sventolai ancora un po’ col tovagliolo e feci una faccia serena e innocente.
Mio marito rientrando si scusò per averci messo tanto a rispondere e mi chiese se avessi sbirciato sotto la benda. Dissi di no.
Allora mi venne dietro e me la tolse, e io vidi dodici invitati attorno al tavolo, che si tappavano il naso e cantavano “tanti auguri a te, tanti auguri a te…”
Proprio un bel compleanno eh!!

Marito e moglie

maritoemoglie

Quando i soldi non comprano il sorriso di un bambino

Quando i soldi non comprano il sorriso di un bambino, per tutto il resto c’è ……..la fantasia:

Una palla di un deodorante, una cassetta di plastica della frutta, due manici di scopa, 8 chiodi di un centimetro e mezzo. Questo video è stato fatto nella zona di Varzea in Brasile, nella città della spiaggia, questo biliardino è stato creato per il bambino con la maglietta blu.

MARZO E’ DONNA

UNITRE DELL’ALTO ORVIETANO

MARZO E’ DONNA

PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE

mimosa 

7 marzo 2015

·       ore 9,30 FABRO SCALO – Sala Teatro – Piazza IV Novembre, 1

Incontro/riflessione sul tema “Storie di piccole donne ” a cura dell’Istituto Omnicomprensivo Raffaele Laporta – Visione del film “La bicicletta verde”

·       ore 16,00 FABRO SCALO – Sala Teatro – Piazza IV Novembre, 1

 seminario “La donna immaginata” stereotipi e pubblicità in collaborazione con Unicoop Tirreno,

·       ore 18,00 FABRO SCALO – Largo dell’Unità d’Italia 

Flash Mob “One billion rising” ed installazione artistica contro la violenza sulle donne, in collaborazione con Associazione commercianti “Sole e Luna”,  Associazione Centrodentro, Unitre dell’Alto Orvietano, Futura Fitness Club, Pro Loco Fabro.  Al termine un aperitivo offerto da Unicoop Tirreno

8 marzo 2015

·       Ore 17,00  MONTELEONE D’ORVIETO – Teatro dei Rustici

“Festa della donna: match teatrale d’improvvisazione” a cura del Laboratorio d’Improvvisazione teatrale dell’Unitre dell’Alto Orvietano

·         Ore 18,30 MONTEGABBIONE – Biblioteca Comunale

Aperitivo letterario “Donne che si raccontano” Letture, pensieri, appunti di viaggio.

·       Ore 21,00 FABRO SCALO – Ristorante “Il Focolare”- Cena e serata musicale con il gruppo “Life on Venus”

13 marzo 2015

·       Ore 17,00 FICULLE  – Sala Teatro –Via Castel Maggiore

Riflessione sul film “Bellissime” . Dal 1960 ad oggi dalla parte di “lei” di Giovanna Gagliardo, in collaborazione con il Circolo Culturale “Il Teatro” di Ficulle

14 marzo 2015

·       Ore 21,00 FABRO SCALO – Sala Teatro – Piazza IV Novembre n. 1

“Monologhi al femminile” a cura del Laboratorio Teatro dell’Unitre dell’Alto Orvietano

21 marzo 2015

·       Ore 10,30 FABRO SCALO – Sala Teatro – Piazza IV Novembre 1

Incontro con il Centro Interculturale “Celio Azzurro” di Roma sul tema “Quale  intercultura?” – in collaborazione con Soc. Coop “Il Quadrifoglio” e Istituto Omnicomprensivo “Raffaele Laporta”

·       Ore 16,00 FABRO SCALO – Sala polivalente – Via del Campo Sportivo n. 2

“Festa dell’Intercultura: donne e bambini dal mondo” da un progetto della Zona Sociale n. 12finanziato dalla Regione Umbria ai sensi della L.R. 18/90in collaborazione con Istituto Omnicomprensivo Raffaele Laporta,  Soc. Coop “Il Quadrifoglio”, Sportelli dell’Immigrazione, Centri di Aggregazione Giovanile, Associazione Centrodentro, Associazione Unitre dell’Alto Orvietano

22 marzo 2015

·       Ore 16,00 FABRO SCALO – Sala Teatro – Piazza IV Novembre n. 1

“Cinema femminile plurale” – Il cinema e le donne – in collaborazione con il corso di Storia del Cinema  dell’Unitre dell’Alto Orvietano, riflessione sul film “Io la conoscevo bene” di Antonio Petrangeli